Basket
 

CUS Unime inarrestabile

CUS Unime - De Cola

Il CUS Unime vince a Palermo e non si ferma più

comunicato stampa n° 162 del 20 novembre 2017

Continua la striscia positiva del CUS Unime che, a Palermo, con una bella vittoria sul filo di lana supera la Stella Basket e raggiunge la quarta vittoria consecutiva su cinque turni giocati.
Il finale recita 42-40 in favore delle universitarie, protagoniste di una prestazione non eccezionale come quella dell’ultimo turno contro l’Ad Maiora Ragusa ma buona sotto il profilo della determinazione, contro una squadra che arrivava all’appuntamento galvanizzata da una vittoria esterna rotonda contro l’Alma Basket dell’ultimo turno. Dal canto loro le cussine, dopo il passo falso della prima giornata, sono riuscite ad inanellare quattro vittorie consecutive che valgono la temporanea vetta del torneo di Serie B.

Partono bene le padrone di casa che, nonostante la partita stenti a decollare, si dimostrano abbastanza reattive sotto canestro e ben organizzate in difesa. Dal canto loro le ospiti, invece, risultano abbastanza imprecise in fase di impostazione e con poco mordente in difesa. Coach Zanghì tenta di trovare rimedi cercando anche soluzioni in panchina ma l’andamento della gara non cambia ed il risultato è un +9 in favore delle padrone di casa all’intervallo lungo (30-21). La strigliata dell’allenatore cussino negli spogliatoi sortisce gli effetti desiderati ed alla ripresa delle ostilità il CUS, pur senza strafare, comincia a ricucire lo strappo. In difesa le ospiti stringono bene le maglie e la Stella Basket non trova continuità nelle soluzioni offensive; in attacco le cussine, invece, tornano ad incidere in maniera decisiva. La svolta decisiva arriva nell’ultimo quarto, quando le messinesi concedono solamente due punti alle palermitane ed hanno gioco facile nell’operare il sorpasso decisivo che vale la vittoria finale per 42-40.

Stella basket Palermo - Cus Unime 40-42 (11-10; 30-21; 38-31)

Stella: Monastra, Celona 4, Bisconti 2, Vento 3, Riccardi 8, Bonnì 11, Vigilante 2, Ganci, Cafiso 3, Matera 5, Bianco 2, Ingrassia. All. Avellone.

CUS Unime: Rabe, Kramer 9, Natale 3, Boncompagni, Scardino 3, De Cola 4, Bringheli, Polizzi 2, Melita, Grillo 10, Pellicanò 5, Cascio 6. All. Zanghì.

Arbitri: Tartamella e Licari.

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961 


Un'altra vittoria al fotofinish

CUS Unime - Sabrina Natale

Bella vittoria del CUS Unime che supera di misura Ragusa

comunicato stampa n° 157 del 13 novembre 2017

Dopo Priolo ancora un 62-60 per il CUS Unime che, al PalaNebiolo, supera in un concitato finale l’AD Maiora Ragusa, formazione difficile da affrontare e che ha dato battaglia alle messinesi sino all’ultima azione di gioco.
Come l’incontro dell’ultimo turno di campionato, anche quello contro le ragusane è stato un match molto equilibrato ed intenso, che le cussine sono riuscite a vincere sul filo di lana grazie a tanta determinazione, riuscendo anche a sopperire all’assenza pesante di Giulia Borgia per infortunio. Le ospiti, invece, arrivano a Messina al gran completo e decise a tentare di portare a casa l’intera posta in palio, con 3/4 giovani promettenti che fanno parte della panchina dell’Irene Ragusa in Serie A1 - tra le quali anche lap attese Stroscio medaglia di bronzo all’ultimo Europeo con la nazionale under 16 - che sorprendono le padrone di casa con delle manovre di gioco più dinamiche e con molta precisione sotto canestro. Il risultato è che le ragazze allenate da coach Zanghì concedono troppo e già alla fine della prima sirena si trovano sotto (19-23). Le universitarie, però, riescono a ricompattarci e, poco alla volta costruiscono la rimonta portandosi a ridosso delle iblee nei successivi due quarti di gioco (32-33 e 44-46). Il lungo inseguimento trova i frutti sperati nel sorpasso e nell’allungo quando mancano tre minuti dall’ultima sirena (60-54), con una Sabrina Natale capace di trovare unto pesanti. Negli ultimi secondi l’Ad Maiora si riavvicina pericolosamente sul -2 e il CUS regala anche la palla del potenziale sorpasso perdendo malamente il pallone; ma nell’ultima azione delle ospiti la Kramer intercetta un passaggio e chiude la contesa con la bella vittoria delle padrone di casa.

CUS Unime – Ad Maiora Ragusa: 62-60 (19-23; 32-33; 44-46)
CUS Unime: Kramer 12, Natale 11, Boncompagni 5, Scardino 10, De Cola, Zagami, Polizzi 10, Melita, Grillo 8, Pellicanò 2, Cascio 4, Mazzullo. All. Zanghì.
Ad Maiora Ragusa: Vitale, Stroscio 20, Gatti 4, Rimi 8, Firrito, Sammartino S. 6, Savatteri 2, Bongiorno 10, Caruso, Sammartino S. 8, Schembari 2, Leggio.

Arbitri: Attard e De Cillis.

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica 
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961 


A Priolo vittoria di carattere

CUS unime - Simona Cascio

Prova di carattere del CUS Unime. Vittoria a Priolo sulla sirena

comunicato stampa n° 152 del 6 novembre 2017

Un CUS Unime tutto grinta ed orgoglio si aggiudica una vittoria importante al PalaEnichem di Priolo, parquet sempre insidioso per le messinesi.
Una vittoria di carattere quella delle cussine che all’ultimo si aggiudicano un match sempre in equilibrio con un 62-60 finale. La compagine di Santino Coppa, risorta dalle ceneri della Serie A e presentatasi all’avvio del torneo con rinnovate ambizioni - con un team composto da un folto e promettente gruppo di giovani alle quali si affiancano l’esperta croata Cigic e l’imponente cubana Seino - gioca una bella partita e rimane incollate alle messinesi che, dal canto loro, più volte hanno provato lo strappo decisivo senza riuscire a chiudere definitivamente i conti.

Il CUS Unime, infatti, parte molto bene: le ragazze allenate da coach Zanghì, molto motivate determinate a dar prova di maturità, sin dalle battute iniziali dimostrano di avere le carte in regola per vincere l’incontro e rimangono sempre avanti nel risultato, costringendo le padrone di casa ad un -10 all’intervallo lungo (24-34). Alla ripresa del gioco le padrone di casa si svegliano dal torpore e si riavvicinano pericolosamente alle messinesi, penalizzate anche dall’infortunio di Giulia Borgia sul finire della terza frazione, fino a quel momento un’autentica spina nel fianco per le ragazze di Coppa (45-47). Le universitarie, però, riescono a ricompattarsi, le più esperte fanno quadrato e respingono l’assalto delle biancoverdi con una difesa arcigna. Nel incitato finale la cubana Seino fa 60-60 ma ci pensa Simona Cascio a 17 secondi dalla sirena finale a gelare il PalaEnichem, con Priolo che non trova il canestro sull’ultima azione della gara.

N. Trogylos Priolo - CUS Unime 60-62 (15-17; 24-34; 45-47)

Priolo: Cigic 15, Spampinato 7, Capici 5, Cocina 8, Gaudosio, Palamidessi, Guzzardi, Marmo 7, Seino 18, Caliò. All. Catanzaro e Coppa.
CUS Unime: Rabe, Boncompagni, Kramer 8, Natale 5, Borgia 16, Scardino 10,De Cola, Polizzi 3, Melita, Grillo 9, Pellicanò 3, Cascio 8. All. Zanghì.

Arbitri: Massari e Giunta.

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica 
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961 


CUS Università Messina A.S.D. Cittadella Sportiva Universitaria


Per rendere migliore la tua esperienza il nostro sito utilizza i cookie.
Informazioni