ANCORA VITTORIA

Sconfitta a Ragusa

Sconfitta a Ragusa

calendar.pngBASKET

CUS Unime basket

Cus Unime sconfitto a Ragusa

Le giovani promesse dell’Eirene, serbatoio della prima squadra in serie A1, hanno dimostrato di essere una formazione di primo livello per la categoria quando si presentano al gran completo e, alla fine, sono riuscite ad avere la meglio delle ospiti gialloblu con un +15 finale (75-60).

Per le peloritane, del resto, pesa ancora l’assenza della pivot lettone Neilande, ancora alle prese con l’infortunio alla caviglia; di conseguenza viene tutto più facile alle padrone di casa che, soprattutto sotto canestro, hanno buon gioco grazie alle numerose lunghe in campo. Bene anche dal perimetro le ragusane Bongiorno e Stroscio, due spine nel fianco della difesa universitaria, sempre difficili da arginare.

Il Cus tiene testa all’Eirene per qualcosa più di un tempo (22-18 al 12’), poi qualche errore banale in attacco ed i contropiede delle padrone di casa lanciano Ragusa, che nel terzo quarto raggiunge il +20 (49-29 al 27’). Le ospiti provano a reagire, ma i tiri liberi di Certomà arrivano quando la sentenza è ormai emessa.

Eirene Ragusa - Cus Unime   75-60 (18-15, 37-23, 53-36)

Eirene: Cardullo, Guastella, Gatti 8, Olodo, Rimi 5, Stroscio 20, Gurrieri, Occhipinti 4, Bucchieri 4, Trovato 2, Savatteri 15, Bongiorno 17. All. Baglieri.

Cus: Boncompagni, Scordino 8, Natale 9, Ingrassia G., Certomà 23, Polizzi, Mazzullo, Grillo 11, Pellicanò, Ingrassia I. 7, Cascio 2. All. Zanghì.

Arbitri: Caci e Sapuppo.


CUS a valanga

CUS a valanga

calendar.pngBASKET

CUS Unime basket

CUS Unime a valanga sulla Virtus Trapani 

Rotonda vittoria casalinga per il Cus Unime che, pur registrando ancora numerose assenze, al PalaNebiolo batte la Virtus Trapani con 40 punti di scarto. Prive anche di Sabrina Natale per motivi di lavoro, in aggiunta alle infortunate Scardino, Pellicanò e Neilande, le universitarie hanno sofferto solo in avvio, quando un approccio svagato ha consentito alle ospiti di ritrovarsi a sorpresa in vantaggio alla prima sirena (7-12). Equilibri ritrovati e ritmi più sostenuti invece dopo l’intervallo breve per le padrone di casa, che in seguito viaggiano ad oltre 20 punti a quarto, con le triple di Annalisa Scordino e Ilenia Certomà a sancire il definitivo allungo delle padrone di casa. La Virtus non riesce a reagire, nonostante il contributo dell’esperta Grignano, e nell’ultima frazione, mettendo a segno solo 5 punti, lascia al Cus anche la passerella finale.  

   

Cus Unime – Virtus Trapani   73-33   (7-12, 29-19, 52-28)

Cus: Boncompagni 2, Scordino 20, Certomà 19, Polizzi 3, Neilande n.e., Grillo 8, Ingrassia I. 4, Cascio 8, Ingrassia G. 3, Mazzullo 6. All. Zanghì.

Virtus Tp: Sicola 5, Poma, Grignano 12, Iannazzo 4, Messana 5, Coccia, Anselmo 1, Parrinello 6. All. Cultrera.

Arbitri: Scalone e Foti. 


CUS a testa alta

CUS a testa alta

calendar.pngBASKET

CUS Unime basket

Cus Unime a testa in casa della capolista Alma Patti

La formazione universitaria torna da Patti con una sconfitta ma con la consapevolezza di poter lottare contro tutte le avversarie. Male all’inizio ma poi grande prova delle gialloblu.

Una partenza incerta ed alla fine non riesce la rimonta al Cus Unime, sconfitto con il finale di 76-72 in casa dell’Alma Patti, una delle big del torneo di Serie B femminile. Al di la del risultato, però, le ragazze universitaria offrono una bellissima prova di carattere e, soprattutto, con una reazione strepita che compensa un avvio di partita da dimenticare (16-4 il parziale con il quale le padrone di casa si portano avanti nei primi minuti di gioco) dimostrano che, se riusciranno a trovare coralità e continui di rendimento per tutto l’arco degli incontri, avranno la possibilità di ritrovarsi al tavolo delle grandi a fine stagione.

A pesare sull’andamento della gara i primi due quarti di gioco, durante i quali l’Alma approfitta delle incertezze avversarie e costruisce il margine che permetterà alle ragazze di casa di contenere la reazione ospite. Reazione delle gialloblu che arriva al rientro dall’intervallo lungo. Trascinato da un’implacabile Annalisa Scordino (21 punti in 20’) il CUS arriva a segnare ben 26 punti nella sola terza frazione, rimettendo completamente in discussione la gara fino a raggiungere anche il 70-70 a 170” dall’ultima sirena. Ma sul più bello le ospiti perdono di nuovo la bussola e, fallendo i tiri liberi decisivi e perdendo in malo modo alcuni palloni, consegnano la vittoria alle padrone di casa che, cosi, possono mantenere la vetta della classifica.

    

Alma Patti - Cus Unime   76-72   (21-15, 43-27, 58-53)

Alma: Tumeo, Lombardo 16, Coppolino, Cangemi, Merrina 23, Ferreyra 4, Sciammetta, Romeo 2, Kramer 14, Guerrera 17, D’Avanzo, Cucinotta. All. Buzzanca.

Cus Unime: Neilande 19, Boncompagni 6, Scordino 26, Natale 5, Scardino 2, Certomà 4, Polizzi, Mazzullo, Grillo 4, Ingrassia I. 6, Cascio, Ingrassia G.. All. Zanghì.

Arbitri: Di Bella e Micalizzi.


CUS Università Messina A.S.D. Cittadella Sportiva Universitaria

P.IVA 03286290832 - Cod. Fisc. 97111390833