CUS Unime ASD

Ottimi riscontri dai Regionali

CUS Unime regionali Assoluti - Alessia Cannizzaro

Il CUS Unime chiude il Regionali Assoluti con ottimi riscontri

Continua ad offrire ottimi progressi la truppa cussino del settore nuoto che, dopo gli exploit degli ultimi campionati di categoria, anche nell’ultima competizione regionale della stagione si è ben disimpegnata.

Solo 5 gli atleti che hanno partecipato nello scorso weekend alle gare della Playa e per tutti non sono mancati miglioramenti sui crono personali ed anche delle belle sorprese in termini di piazzamenti finali.

La prima giornata di gare di apre con il quinto posto conquistato da Carlotta Pizzi nella finale b dei 200 farfalla. La medaglia arriva da Alessia Cannizzaro che, con il personale di 38.50, si aggiudicano la medaglia di bronzo Seniores nei 50 rana. Sempre la Cannizzaro chiude la prima giornata con il sesto posto nei 50 stile.

Anche nella seconda e nella terza giornata i punti arrivano dalle prove di Alessia Cannizzaro. Nella seconda tornata di gare la cussina chiude nei 50 farfalla in quarta posizione con 30.30, a soli 2 decimi di distanza dal gradino più basso del podio, mentre chiude in sesta posizione generale nei 100 stile. Nell’ultima giornata, infine, quarta posizione nei 100 farfalla Seniores per la Cannizzaro mentre Francesca Bellantone chiude al quinto posto la finale b Juniores nei 200 stile (2.20.85).

Al termine della competizione regionale sono ben 62 i punti conquistati dal CUS Unime, un risultato di assoluto valore se si considera l’esiguo numero di partecipanti e che, paragonato anche ai 3oli16 punti dei campionati invernali assoluti, non può che confermare gli ottimi standard di crescita di tutto il settore nuoto e fornire ai tecnici cussini Francesco Spada e Simone Zappia

Importanti spunti per poter guardare in prospettiva ad ulteriori margini di crescita e miglioramento.


Ottimo CUS. Iaria ancora da record

CUS Unime nuoto

Risultati positivi del Cus Unime agli ultimi RegionalI Ragazzi. Iaria super con un nuovo record regionale

Continua a produrre risultati eccellenti il Cus Unime che anche agli ultimi Campionati Regionali disputati a Catania nello scorso weekend, dal 12 al 14 luglio, è riuscito a confermarsi su standard di crescita importanti e chiudere con un’ottima decima posizione in classifica generale sulle 32 società in gara, con 222 punti finali che migliorano il bottino complessivo del campionato invernale in vasca corta (allora i gialloblu chiusero in undicesima posizione totalizzando 209 punti).

Per i 18 atleti cussini che hanno hanno gareggiato nelle acque della Plaia tante prestazioni degne di note, come i quarti posti ottenuti dalle staffette femminile, piazzatesi a pochi decimi dal gradino più basso del podio nella 4X100 stile (4.20.48 di Iaria, D’Amico, Perdichizzi, Zaccone), nella 4X100 mista (4.54.62 di Impalà Polito, Perdichizzi, Iaria, Zaccone) e nella 4X200 stile (9.33.22 di Iaria, Zaccone, Mazzù, Perdichizzi). Ancora una volta spicca, tra tutte le ottime prove degli atleti gialloblu, l’ennesimo primato regionale realizzato da Giorgia Iaria che, nei 100 stile, chiude davanti a tutte le avversarie e con il crono di 1.01.41 ritocca il precedente record regionale realizzato da lei stessa nelle qualificazioni della mattina. Un risultato molto sorprendente e di assoluto spessore sia perchè la Iaria è di una categoria inferiore rispetto alle avversarie che ha affrontato (Giorgia è ancora una Esordiente A ma ha potuto partecipare a questo Campionato perchè ha conseguito i tempi limite per concorrere con la Categoria Ragazzi) ma soprattutto perché risulta uno dei tempi migliori in assoluto in tutta Italia, un motivo di vanto e di orgoglio per il team tecnico cussino formato da Francesco Spada e Simone Zappia, giusto riconoscimento per l’ottimo lavoro a bordo vasca e premio per il lungimirante e certosino lavoro di programmazione.

A riprova di ciò anche le tante altre belle prestazioni degli atleti universitari, che sono riusciti a conquistare tante finali A (riservate ai migliori 8 tempi ottenuti in fase di qualificazione) e finale B (dal 9 al 16 miglior crono realizzato nelle qualificazioni). Sono riuscite ad accedere alle finali A Giorgia Iaria nei 100 farfalla, Sofia Perdichizzi nei 100 e 200 rana, Fabiana Donato nei 200 rana, Martina Zaccone nei 50 stile. Finale Ragazzi 14 per Mattia Picciotto (50 e 100 stile, nei 100 e 200 rana e nei 200 misti) e per Samuele Andaloro (200 dorso). Finale B per Sara Impalà Polito nei 100 e 200 dorso, per Aurora Giaconia nei 100 farfalla, Alessandra Soliera nei 100 rana, Gloria Mazzù nei 100 e 200 rana e nei 200 e 400 misti, per Benedetta Bellantone nei 200 delfino e per Martina Zaccone nei 100 e 400 stile. In campo maschile, invece, finale B per Antonio Bavastrelli nei 200 delfino e nei 1500 stile e per Gabriele Pergolizzi nei 100 e 200 rana. Infine undicesima piazza per la staffetta maschile 4x100 stile e quindicesima posizione per la 4x100 mista.

Ancora una volta, dunque, ottimi progressi per tutta la truppa cussina che, manifestazione dopo manifestazione, riescono a migliorare i crono personali ed a scalare la classifica generale, tanto più significativi se guardati in prospettiva dato che la maggior parte degli atleti gialloblu sono ancora al primo anno della categoria.

Questi gli atleti in gara per il Cus Unime. Tra le ragazze: Iaria Giorgia, Giaconia Aurora, La Cava Chiara, Bellantone Benedetta, Donato Fabiana, Soliera Alessandra, Zaccone Martina, Perdichizzi Sofia, D’Amico Anna Lidia, Impala’ Polito Sara, Mazzù Gloria. Tra i ragazzi: Vinci Giulio, Bavastrelli Antonio, Picciotto Mattia, Ragazzo Gabriele, Andaloro Samuele, Pergolizzi Gabriele, Sofia Antonino,


Tanto CUS Unime agli Europei Master di Hockey

Giacomo Spignolo - CUS Unime Hockey

Ancora una volta tanto Cus Unime presente a Rotterdam per il Campionato Europeo Master di hockey prato

Il tecnico cussino Giacomo Spignolo affronta un’ennesima avventura internazionale alla guida della Nazionale Azzurra, questa volta nominato dalla Federazione Italiana Hockey Tecnico della squadra Master 45 che affronterà i prossimi Campionati Europei in programma a Rotterdam dal 22 al 828 luglio prossimi.

Nove le formazioni al via, tutte squadre di altissimo livello. Nel girone A si sfideranno Italia, Inghilterra ed Irlanda, nel girone B Olanda, Scozia e Galles mentre nel girone C i campioni uscenti della Spagna se la vedranno con Germania e Francia.

Per il team Azzurro guidato da Mister Spignolo si tratta di un girone dall’alto tasso di difficoltà, con Inghilterra ed Irlanda che non sono certamente avversari di second’ordine. Superata la fase a gironi accederanno alle semifinali le prime tre di ogni girone e la migliore seconda di tutti e tre i raggruppamenti, obiettivo sul quale punta forte la nazionale italiana. Per l’allenatore messinesi si tratta di un ritorno alla guida della selezione Nazionale, designato dalla FIH dopo le ottime esperienze con la selezione Azzurra 50 al Campionato del Mondo di Rotterdam nel 2014 (l’Italia si piazzò nona su 18 squadre), lo splendido quarto posto agli Europei di Londra nel 2015 e la settima piazza conquistata nel 2017 ai Campionati d’Europa nel 2017. Ultima, solo in ordine di tempo, la nona piazza conquistata nella scorsa estate a Terrarsa in occasione del Campionato del mondo, risultato di assoluto valore che è servito a dare un’ulteriore spinta per la riconferma del Tecnico gialloblu alla guida della Nazionale Italiana.

“Ricoprire nuovamente il ruolo di Responsabile Tecnico e questa volta con il nuovo gruppo 45 non può che riempirmi di gioia ed orgoglio - questo il commento di Spignolo - Provo un’emozione particolare nel rivestire un incarico che mi permetterà, dopo le belle esperienze già fatte, di rimettermi in gioco con un gruppo nuovo. Certamente la categoria 45 è più competitiva, ma so di avere un ottima squadra a disposizione. Il mio principale obbiettivo sarà quello di arrivare più in alto possibile, proponendo un buon hockey. Ancora una volta accolgo con estremo piacere questo nuovo incarico cercando di dare il mio modesto contributo. Per questa nuova avventura saranno riconfermati nel mio staff il Prof. Roberto Raco (preparatore atletico del Cus Unime Hockey), che curerà tutta la parte atletica e fisioterapeutica. Nella rosa degli atleti convocati anche due atleti tesserati per il Cus Unime: Giuseppe Pinizzotto e Antonio Spignolo. Esordiremo lunedì 22 luglio contro l'Inghilterra: match difficilissimo ma che affronteremo al meglio, prima di una sfida più alla nostra portata contro l'Irlanda. Da questi due match dovrà venire fuori il percorso che andremo a fare nel prosieguo di questo Europeo, poi sarà come sempre il campo a dare il verdetto finale.

Questa La Rosa convocata da Mister Spignolo: Bertoglio Pierernesto, Bossi Marco, Gaggiano Giuseppe, Cappelli Giorgio, Cò Fabio, Colpani Giulio, De Gaudenzi Luca, Faggian Mirko, Ferri Gino Massimiliano, Letizia Franco, Manes Andrea, Pinizzotto Giuseppe, Poli Paolo, Spignolo Antonio, Van Der Wielen Paul, Zubeldia Matias.


LA IABF a Messina per promuovere nuove iniziative

IABF allo Stadio del Baseball Primo Nebiolo

I rappresentanti della Italian American Baseball Foundation (IABF) in visita al Cus Unime. Vagliate importanti opportunità

Ci sono voluti ben due anni per convincere Joe Quagliano, Presidente della Italian American Baseball foundantion (IABF), affinché venisse a Messina, con il beneplacito della FIBS, per visitare gli impianti sportivi della Cittadella Universitaria ma soprattutto il rinato Stadio del Baseball Primo Nebiolo che sempre più sta diventando punto di riferimento del baseball nazionale ed internazionale. Con lui anche il segretario della IABF Mark Cardillo e l’ex giocatore degli Yankees di Major League Baseball, campione delle World Series 1991 con i Minnesota Twins, Mike Pagliaruolo.

Mark Cardillo già conosceva Messina perché tutta la sua famiglia era originaria di Montalbano Elicona e per aver militato nel campionato italiano per diversi anni tra Milano e Firenze, avendo disputato alcune partite proprio al Nebiolo quando il CUS militava in serie A.

Dopo un brevissimo tour della città, passando dal belvedere di Cristo Re, dal Duomo e dalla Chiesa dei Catalani, sono rimasti inaspettatamente meravigliati ed estasiati dalla monumentale fontana dì Orione e dalla maestosità del Duomo. Ad accoglierli nel loro tour è stato il Delegato allo sport dell’Università di Messina, Prof. Daniele Bruschetta, per i saluti di rito. A seguire, ad attenderli al campo da baseball, i tecnici ed i trenta ragazzi dei vivai delle uniche due società di baseball rimaste in città per lo stage condotto appunto da Mike Pagliaruolo e Mark Cardillo.

Con il Presidente della IABF Joe Quagliano invece si è discusso delle potenzialità offerte dalla organizzazione del CUS e della dotazione di Impianti sportivi che potrebbero fare divenire Messina un punto di riferimento per molte organizzazioni sportive americane, non solo legate al baseball ma anche per altri sport ed altri interessi, soprattutto per quello che concerne l’offerta formativa universitaria. Si è discusso sulla possibilità di offrire come Università stage per l’approfondimento ed il perfezionamento della lingua ai tanti italiani in America che intendono riappropriarsi dell’idioma dei loro genitori ma anche di direzionare ragazzi Italo-Americani ad alcuni corsi di studi universitari, su tutti logicamente il corso di laurea in scienze motorie sportive e della salute.

Dall’altro lato, invece, si é prospettata la possibilità di divenire un punto di riferimento per i nostri ragazzi che, dopo opportuna selezione ed apprendimento della lingua inglese, intendano giocare il Baseball studiando all’interno di college americani. La IABF ha relazioni anche con gli uffici centrali della MLB e, nonostante sia molto complicato un impegno da parte di MLB in territorio europeo ed italiano, i rappresentanti della IABF intendono comunque farsi da ambasciatori per far conoscere la Cittadella, con tutta la dotazione di impianti sportivi, a quella che è considerata tra le organizzazioni sportive più importanti al mondo.


La nostra Festa

Festa dell'Atleta 2019

Numeri importanti e tanto entusiasmo per la seconda edizione della Festa dell’Atleta CUS Unime

Una vera e propria festa di sport quella che lunedì scorso il CUS Unime ha organizzato presso l’Anfiteatro della Cittadella Sportiva Universitaria per premiare i propri atleti, celebrare i risultati più importanti e condividere con tutta la grande famiglia sportiva gialloblù un’altra stagione dai numeri e traguardi importanti.

“Abbiamo costruito nel quadriennio appena trascorso un movimento decisamente importante per la nostra città - queste le parole di Nino Micali, Presidente del CUS Unime - dal punto di vista delle strutture, con il continuo supporto dell’Università di Messina, abbiamo trasformato la Cittadella Sportiva ed il Complesso Sportivo Nebiolo in una vera e propria oasi per le migliaia di sportivi che frequentano i nostri Impianti ogni giorno. Ma è soprattutto dal punto di vista sportivo che possiamo essere realmente fieri di quella che abbiamo realizzato. Ad oggi sono oltre 6000 gli iscritti al Cus che a vario titolo frequentano le nostre attività, senza limiti di età e di livello, dando spazio anche ad anziani ed a tanti giovani migranti che con le nostre attività sportive trovano una corretta valvola di sfogo. Abbiamo superato il migliaio di iscritti alle nostre scuole sportive, producendo attività agonistica che continua a regalarci tante soddisfazioni in termini di risultati in giro per l’Itala. In ultimo, solo in ordine di tempo, abbiamo dato lo spazio che meritano anche ai diversamente abili, dedicando loro delle attività sportive con il nuovo settore Special Needs. Un grazie a tutti coloro che ogni giorno si spendono per migliorare questa complessa macchina che è il Cus Unime e, infine, un grazie in particolare a tutti gli atleti che contribuiscono a portare in alto i colori del Centro Universitario Sportivo”.

Fa eco alle persone di Micali anche il Salvatore Cuzzocrea, Rettore dell’Università di Messina: “Il CUS, con tutto quello che sviluppa in termini sportivi e di aggregazione sociale ormai è diventata un realtà consolidata nel panorama cittadino e non solo. Noi, come Università, siamo stati e saremo sempre a fianco del CUS perché è una risorsa importante per il mondo accademico e per la città di Messina, una risorse che abbraccia e dà sfogo a migliaia di persone, giovani e meno giovani. Anche in questa stagione il CUS ha continuato a crescere raggiungendo risultati sempre migliori e questo non può che renderci soddisfatti del percorso virtuoso che il Centro Universitario Sportivo affiancato dall’Università abbiamo messo in piedi”.

Durante la cerimonia al termine delle premiazioni dei diversi settori è stato dato spazio alla proiezione del video istituzionale Cus Unime che ripercorre la stagione ormai agli sgoccioli, seguita da una relazione sintetica dei quattro anni di attività e da un video riguardante il settore Special Needs. In conclusione spazio alla prestazione esplosiva delle ragazze della Ginnastica Artistica e la chiusura con i fuochi d’artificio che hanno illuminato il cielo dell’Anfiteatro chiudendo la seconda edizione di una magnifica Festa dell’Atleta Cus Unime.


CUS Università Messina A.S.D. Cittadella Sportiva Universitaria

P.IVA 03286290832 - Cod. Fisc. 97111390833