News

Finali Interscolastico 2019

Cittadella Sportiva Universitaria

Il 10 maggio al Cus Unime le finali del Torneo Interscolastico

Con un’intensa mattinata di gara si appresta a volgere al termine l’edizione 2019 del Torneo Interscolastico, manifestazione sportiva organizzata dal Centro Universitario Sportivo e dedicata alle quarte e quinte classi degli istituti Scolastici superiori di Messina e Provincia.

Tra Cittadella Sportiva Universitaria e Complesso Sportivo Primo Nebiolo si terranno, venerdì 10 maggio, le finalissime negli sport di basket, pallavolo (maschile e femminile), calcio a 11 e calcio a 5 (maschile e femminile).

I primi a giocare, in ordine cronologico, sono i ragazzi di basket e calcio e le ragazze del volley. Le finali di pallacanestro si terranno al PalaNebiolo, con il derby tutto barcellonese tra Copernico (seguito dal Prof. Pellegrino) ed il Medi (seguito dal Prof. Biondo). Sul sintetico della Cittadella toccherà al calcio a 11 con l’incontro tra i ragazzi del Copernico di Barcellona (guidati dal prof. Pellegrino) ed il Galilei di Spadafora (Prof. Farsaci).

Chiude la tornata di gare delle 9.30 il triangolare di pallavolo femminile, in programma al Palazzetto polivalente della Cittadella, tra Vittorio Emanuele di Patti (guidato dal Prof. La Monica), il Caminiti - Trimarchi di Santa Teresa di Riva (seguito dal Prof. Farsaci) ed il Medi di Barcellona (Prof. Biondo).

Alle 11.30 ultima tornata di gara prima della cerimonia finale di premiazione. Al Palazzetto Polivalente si sfideranno i ragazzi della pallavolo in un triangolare tra Vittorio Emanuele di Patti (guidato dal Prof. La Monica), Galilei di Spadafora (Prof. Farsaci) e Caminiti - Trimarchi di Santa Teresa (seguito dal Prof. Gussio). Sul sintetico polivalente, infine, toccherà al calcio a 5, sia maschile che femminile. In campo maschile sarà finale tra Medi di Barcellona (Prof. Biondo) ed Ainis di Messina (seguito dal poro. Pellizzeri). In campo femminile, invece, match di finale tra Enrico Fermi di Barcellona (guidato dal Prof. Genovese) e Minutoli di Messina (seguito dai Prof. La Torre e Nicocia).


CUS Unime super

CUS Unime super

calendar.pngHOCKEY

CUS Unime hockey

Cus Unime superlativo. Affondata a domicilio la Raccomandata e playoff in cassaforte

Vince, convince e si gode anche la matematica qualificazione ai playoff il Cus Unime che, a Valverde, si aggiudica l’incontro con un sonoro 7-2 che affonda i padroni di casa della GS Raccomandata Giardini e li estromette definitivamente dalla corsa per il primo posto a due giornate dalla conclusione della regular season. Un traguardo importantissimo per i messinesi che, oltre ad ottenere la sesta vittoria consecutiva nel girone, si regalano la seconda finale playoff in quattro stagioni, in programma a Genova 8 e 9 giugno prossimi.

Basta semplicemente un tempo al CUS per regolare la squadra allenata da Mister Brunetto. Il 4-0 rifilato dai messinesi prima di rientrare negli spogliatoi (tripletta di uno scatenato Andrea Siracusa e gol di Andrea Blandini) taglia letteralmente le gambe ai padroni di casa. I ragazzi allenati da Giacomo Spignolo, poi, nella seconda metà di gara hanno il merito di gestire il risultato con assoluta padronanza ed allungano anche nel risultato con D’Andrea e Curreli, Fisiologico il calo di concentrazione nel finale, quando ne approfitta la Raccomandata per andare in rete due volte. Ma anche l’ultima rete sarà di marca cussina, con Santo Giuffrida che mette il sigillo su una partita perfetta dei suoi.

“Siamo ovviamente molto soddisfatti - questo il commento post gara del tecnico gialloblu Spignolo - aver raggiunto questo traguardo con due giornate di anticipo ci riempie d’orgoglio e ci stimola ad affrontare con ancora più entusiasmo questo finale di stagione. Sarà fondamentale, però, da questo momento in poi per farci trovare pronti alle finali di Genova. Adesso ci godiamo questo bel risultato e per questo non posso che complimentarmi con tutti i ragazzi, con lo Staff Tecnico e con la Società, che ci ha sostenuto messo nelle migliori condizioni per centrare questo ambizioso obiettivo. Abbiamo un mese per preparaci al meglio e, grazie a questo splendido gruppo, sono certo che ci faremo trovare pronti”.


CUS ko con Pescara

CUS Unime Pallanuoto

Il Cus Unime ci prova cede in casa al Pescara

C’è voluto un Pescara determinatissimo per interrompere la striscia positiva casalinga del Cus Unime che, dopo 4 vittorie consecutive tra le mura amiche, cade con il finale 10-7 per mano di un’autentica corazzata. Probabilmente non una delle migliori partite della compagine universitaria che, comunque, soprattutto nella prima metà di gara prova in diverse occasioni a scardinare la rocciosissima difesa ospite, con un Volarevic che in diverse occasioni si esibisce in parate spettacolari che vanificano i tentativi dei padroni di casa. Alla fine gli abruzzesi sono costretti a fare gli straordinari e sono nella seconda parte del match riescono a venire a capo dei messinesi per i quali, adesso, si complicano di molto i piani per tentare l’accesso ai playoff.

Come prevedibile un match molto intenso: le due squadre si affrontano a viso aperto e senza risparmiare energie e colpi proibiti. I primi a portarsi avanti nel risultato sono i cussini per ben due volte, a segno prima con Steardo e poi con una bella botta dalla distanza con Giacoppo che risponde al momentaneo gol del pari di Calcaterra. Dubbi su due fischi arbitrali che portano Di Fulvio per due volte (la seconda su rigore) a siglare il momentaneo vantaggio ospite, che regge sino alla prima sirena.

Musica completamente diversa ad inizio della seconda frazione. Il CUS Unime tornato in acqua con una maggiore vitalità e carica agonistica che immediatamente porta i risultati sperati. Dopo un minuto e mezzo Pescara segna il +2 in superiorità con Agostini ma i padroni di casa in meno di 2 minuti riescono a piazzare di prepotenza un break di 3-0 che ribalta completamente il risultato. Prima accorcia Cusmano al termine di una superiorità orchestrata a dovere, poi Klikovac, servito benissimo dal mancino messinese, si gira davanti alla porta e guadagna un rigore trasformato da Parisi; infine la boa cussino si libera dalla marcatura di due avversari al centro e sigla un gol splendido che fa esplodere la tribuna e vale il sorpasso gialloblu (4-5). È un CUS incontenibile che avrebbe anche la possibilità di allungare se non fosse per un Volarevic strepitoso che nega la gioia del gol agli universitari in diverse occasioni e rilancia i suoi che, a 1.57 dal cambio vasca, riescono a trovare prima il pari e 40 secondi dopo il gol del vantaggio con D’Aloisio.

Terza frazione equilibratissima, con entrambe le squadre che ci provano in svariate occasioni ma sbattono sulle difese avversarie. A meno di un minuto dopo il cambio vasca Steardo pareggia i contro (6-6) ma Pescara trova quasi subito il nuovo vantaggio con Calcaterra che con una palomba inganna Spampinato. A metà parziale time out CUS che, in superiorità, non riesce a realizzare e sull’azione successiva vale il momentaneo +2 in favore degli ospiti (6-8 siglato da Agostini) che resiste sino alla terza sirena. Un doppio vantaggio che gli abruzzesi, nonostante i tanti tentativi dei cussini, riescono a mantenere invariato nel corso di tutta l’ultima frazione, siglando anche il gol del +3 a giochi praticamente conclusi. Solamente a 3.22 dall’ultima sirena Provenzale riesce a concretizzare le tante occasioni sprecate dai cussini ma Pescara subito dopo ristabilisce il + 2 con Calcaterra. Il gol sicurezza per gli ospiti che resistono ai tentativi gialloblu e chiudono con il gol numero 10 a pochi secondi dalla fine firmato da De Ioris.

“La partita è stata in equilibrio per metà gara - questa l’analisi di mister Naccari - poi Pescara è scappato e non siamo stati capaci di recuperare. Loro che si sono resi protagonisti di una grande prova difensiva, con un Volarevic protagonista in tante occasioni. Noi ci abbiamo provato fino in fondo ma alla fine loro hanno meritato questi tre punto. Noi restiamo tutto e ripartiamo già da sabato, contro il Latina seconda forza del torneo. Sarà uno spettacolo che vogliamo goderci fino in fondo. Da matricola siamo già contenti dell’obiettivo che abbiamo raggiunto con largo anticipo e continueremo a concludere al meglio contenti del nostro percorso in questa Serie A2 di altissimo livello”.

Cus Unime - Pescara: 7-10 (2-3, 3-3, 1-2, 12)

Cus Unime: Spampinato, Russo, Savoca, Steardo 2, Provenzale 1, Condemi 1, Cusmano, Giacoppo 1, Ambrosini, Sacco, Klikovac 1, Parisi 1, Spizzica.

Pescara: Volarevic, Di Nardo, Laurenzi, Di Fulvio 2, De Ioris 1, Sarnicola, Giordano, Provenzano, Di Fonzio, D’Aloisio 1, Calcaterra 3, Agostini 1, Molina Rios


Domani il big match

CUS Unime - Sergio Naccari
Big match per il Cus Unime che ospita il Pescara. In palio punti pesanti per i playoff Torna alla Cittadella il Cus Unime con l’obiettivo di riprendere immediatamente la corsa playoff e di allungare la striscia positiva in casa che sino a questo momento ha portato quattro vittorie consecutive ottenute nell’ultimo frangente di stagione. Archiviato lo stop di Palermo la formazione universitaria ha affrontato una settimana di lavoro intensa per farsi trovare pronto alla prima di due partite successive che si giocheranno alla cittadella sportiva universitaria e che metteranno in palio punti pesantissimi per la corsa verso i playoff. Il primo in ordine cronologico è l’impegno di domani, con inizio alle ore 14, contro il Pescara, attuale terza forza del torneo di A2 a quota 36 punti in classifica dietro di quattro lunghezze rispetto al Latina e tallonata a strettissimo contatto dal Telimar (35), dalla Roma Vis Nova (34) e poi proprio dal CUS, dopo Palermo fermo a quota 33 e scivolato in sesta posizione ma ancora saldamente agganciato al treno playoff. Un Pescara che arriva da una sconfitta pesante tra le mura amiche subita per mano della Roma Vis Nova. Sino a quel momento quattro vittorie di fila per la compagine abruzzese, con un sorprendente successo due turni addietro in casa del Telimar Palermo e l’ultima battuta d’arresto che risale allo scorso 16 marzo, quando venne superata a domicilio dalla capolista Rari Nantes Salerno. All’andata il CUS subì una sconfitta per 12-9 uscendo, però, a testa alta dalla piscina di Pescara, cosi come ha fatto nell’ultimo turno a Palermo dove ha dato ancora una volta dimostrazione di poter dare filo da torcere a qualsiasi avversario. Davanti al proprio pubblico, tra l’altro, la musica è diversa, come dimostra il bilancio di 6 vittorie su 8 incontri disputati alla cittadella (le uniche due sconfitte s arrivate per mano della capolista e del Telimar) ed i quattro successi consecutivi ottenuti dai ragazzi di Mister Naccari nelle ultime uscite. Striscia positiva che i gialloblu vogliono assolutamente prolungare, per ottenere 3 punti fondamentali in chiave playoff, come conferma il tecnico cussino Naccari: “La sconfitta di Palermo per certi versi è stata pesante perché speravamo di dar seguito alle tante vittorie che avevamo fatto ma, del resto, sapevamo che sarebbe potuto succedere e di conseguenza per noi non cambia nulla. Ci siamo prepararti bene per la partita contro Pescara che per noi resta fondamentale se ancora vogliamo cullare il sogno playoff. Questa è la prima di 4 partite difficilissime che dovremo provare a vincere tutte per arrivare a raggiungere l’obiettivo playoff. Se cosi non sarà, comunque, saremo molto soddisfatti del nostro percorso che, da matricola, ci ha dato veramente tante soddisfazioni”.

CUS Università Messina A.S.D. Cittadella Sportiva Universitaria

P.IVA 03286290832 - Cod. Fisc. 97111390833