News

CNU Catania 2017: bilancio positivo!

CNU Catania 2017 - Crisafulli sul podio con il Presidente Micali

 

Bilancio positivo per il CUS Unime ai CNU 2017 di Catania 

Comunicato stampa n° 124 del 19 giugno 2017 

Terminata la settantunesima edizione dei Campionati Nazionali Universitaria primaverili di Catania (in programma dal 9 al 18 giugno), è tempo di bilanci per il CUS Unime che, a conti fatti, può ritenersi sicuramente soddisfatto per gli ottimi risultati ottenuti.
Un bilancio più che positivo per la delegazione messinese che, pur partecipando alla kermesse nazionale con solamente 27 atleti - un numero relativamente basso rispetto a tanti altri Centri Universitari Sportivi di tutta Italia - ha terminato la competizione con un ricco medagliere composto da ben 14 medaglie, un risultato più che soddisfacente soprattutto se letto in rapporto al numero degli atleti impegnati nelle gare.

Continua a produrre ottimi risultati, dunque, la linea di condotta adottata dal CUS Unime in ottica CNU, nel segno dell’attenta ed oculata selezione degli atleti partecipanti alle gare con l’obiettivo di massimizzare i risultati.

Parte benissimo la spedizione messinese in terra etnea. Il CUS Unime, infatti, già nel primo fine settimana di gare ha conquistato ben 5 medaglie con soli 6 atleti schierati in gara. Spiccano, tra tutti, gli importanti titoli italiani raggiunti da Carolina Costa nel judo e da Carmelo Calabrò nel pugilato, arrivati in entrambi i casi domenica 11 giugno al termine di una serie di incontri spettacolari. A questi due ori si aggiungono anche l’argento di Vincenzo Pannolino nella lotta greco romana e le due medaglie di bronzo conquistate nella lotta libera (sempre da Iannolino) e nel judo da Lorenzo Rigano.

Le altre soddisfazione in casa CUS Unime arrivano giovedì, quando i due tennisti Alberto Caratozzolo e Andrea Viceconte si aggiudicano due medaglie di bronzo nel tennis individuale (sarà Caratozzolo a vincere la sfida con l’altro tennista messinese il giorno successivo ed a candidarsi, cosi, come prima riserva per le Universiadi di Taipei).
Sono, infine, le ultime due giornate di gare che regalano un’altra pioggia di medaglie di bronzo che aumentano sensibilmente il bottino del CUS Unime. Sabato, infatti, arriva il terzo posto nel salto in lungo di Gabriele Crisafulli (con un bel risultato di 6,72 nonostante forte vento contrario). Dal settore arti marziali, poi, le ultime medaglie, con i bronzi conquistati nel taekwondo da Federica Sciacca (cat. -49 Kg) e da Alberto Crisafulli (cinture nere - 58 Kg), e nel karate da Carmelo Polimeni (67 Kg), Martina Castagna (61 Kg), Alessandra Policino (55 Kg) ed Anna Bellomia (50 Kg)
“Non possiamo che essere molto soddisfatti - commenta a fine manifestazione Giuseppe Rinciari, Responsabile organizzativo del CUS Unime per i CNU di Catania - stiamo crescendo di anno in anno, sia come numero di partecipanti che, risultato tutt’altro che scontato, come numero di medaglie conquistate. Questo sta a significare che la nostra linea di condotta di attenta selezione degli atleti sta portando risultati più che positivi e non può che renderci soddisfatti ed orgogliosi. Tra l’altro in questa edizione, più che nelle passate, è stato altissimo il numero dei partecipanti provenienti dal Corso di Laurea in Scienze Motorie, segno di uno stretto e naturale rapporto di continuità e collaborazione reciproca tra le due realtà, cosi come con tutto l’Ateneo in generale. Bravi ai medagliati e bravi, comunque, a tutti gli atleti che si sono battuti per i colori del nostro CUS e del nostro Ateneo”.

 

 


Il CUS Unime mette anche la sesta!

CUS Unime baseball - Santi Todaro

 

Il CUS Unime mette anche la sesta

comunicato stampa n° 122 del 14 giugno 2017 

Arriva la sesta vittoria consecutiva per il CUS Unime nel campionato nazionale di baseball di Serie C. Nessuna esitazione dall’inizio del campionato ad ora per la truppa universitaria e cosi, una dietro l’altra, son arrivate solo vittorie nel girone.

Questa volta la vittoria dei ragazzi allenati da Pippo Giuffrida, Letterio Zanghì e Giovanni Sandi è arrivata sul campo della Randazzese Baseball. Vittoria meritata quanto sofferta, con i messinesi che prima prendono il largo poi - anche a causa di un fisiologico ma pericoloso calo di concentrazione - si fanno avvicinare dai padroni di casa e sono costretti ad arrivare fino al non inning. Il finale recita 18-10 in favore dei peloritani che, complice anche la contemporanea sconfitta della seconda della classe, accenna anche ad una “mini-fuga” in testa alla classifica.

Partono fortissimi gli atleti messinesi che nel giro di due riprese allungano realizzano 7 punti lasciando a bocca asciutta i padroni di casa. Con il risultato in cassaforte la determinazione cussina cala sensibilmente e per altri tre inning il risultato rimane fermo, mentre nel sesto inning la Randazzese infila i primi tre punti del match che li permettono di avvicinarsi ai cussini. Ma è il settimo inning quello più interessante dal punto di vista dello spettacolo: i cuscini riescono ad allungare fino a 13 punti, ma i randazzesi hanno il grande merito di infilare ben 7 punti di fila e costringere i messinesi fino al nono inning. Alla fine, comunque, sarà larga vittoria per il CUS Unime, che realizza 1 punto nell’ottavo e 4 punti nel nono inning, chiudendo cosi sul 18-10 finale. Ottima la prova sul monte di lancio da parte di Todaro mentre in battuta offrono prestazioni superlative Romano, Mento e Grillo. In complesso, comunque, è tutta la squadra che gira a pieno regime, coi come confermato dal coach Pippo Giuffrida: “Ovviamente sono soddisfatto per il risultato; un pò meno, invece, per la prestazione: alterniamo momenti nei quali siamo letteralmente devastanti a momenti durante i quali, invece, subiamo dei black-out che non ci permettono di piazzare il colpo definitivo del ko. Ogni squadra che incontriamo ci affronta con il coltello tra i denti per tentare di fare uno sgambetto alla capolista, di conseguenza per noi diventa fondamentale capitalizzare immediatamente il nostro gioco”.
Questa la formazione del CUS Unime: Todaro lanciatore, Romano ricevitore, Grillo prima base, Sulfaro seconda base, Lopez interbase, Biondo terza base, Grasso, Mento e Bonanno esterni, Saccà battitore designato.

Randazzese Baseball - CUS Unime: 10-18

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961 


Il CUS Unime centra l’impresa

CUS Unime - Pescara del 14.06.2017

 

Il CUS Unime centra l’impresa e allunga a gara 3

comunicato stampa n° 123 del 14 giugno 2017

Con una grande partita e sospinto da una bellissima cornice di pubblico che ha gremito gli spalti della cittadella il CUS Unime si aggiudica gara 2 della finale playoff promozione per la Serie A2. 8- 7 il risultato finale con il quale i messinesi con grande merito si impongono sul Pescara Pallanuoto e riescono a pareggiare la vittoria dell’andata ottenuta dalla squadra abruzzese e rinviano, cosi, il verdetto definitivo della promozione a gara 3, prevista sabato 24 giugno a Pescara. Una partita bellissima, dura e tiratissima fino alla fine, giocata splendidamente dai ragazzi allenati da Mister Naccari, determinati fino alla fine a portare a casa il risultato. A contorno, sulle tribune, tantissimi tifosi hanno sospinto a gran voce i padroni di casa a raggiungere questo importante risultato. Partono benissimo i messinesi. Pronti via e Balaz, a poco più di un minuto dalla prima palla a due dell’incontro, mette la sua firma a referto. Pareggia poco dopo il mancino degli ospiti D’Aloisio ma poi fino alla fine della frazione i messinesi si impadroniscono del campo: la difesa fa buona guardia con La Tona che le para tutte mentre in avanti i padroni di casa si rendono sempre pericolosissimi, fino ad arrivare prima della sirena sul 3-1 in proprio favore grazie alla bellissima doppietta di De Francesco. Ad inizio di secondo parziale Pesca tenta di accorciare (gol di Provenzano) ma Namar porta di nuovo i suoi sul +2. Ed il CUS Unime allunga ancora a metà parziale con il sinistro imparabile di Aiello (scatenato oggi con 3 reti). Pescara non demorde e prima del cambio vasca riesce ad accorciare ancora con Di Fulvio (5-2).
La partita non è affatto chiusa ed il Pescara rialza la testa nella terza frazione: i messinesi rifiatano un pò e allargano le maglie in difesa; ne approfitta, cosi, la formazione ospite che, con una doppietta di DI Fulvio si porta sul 5-5 a 2.59 dalla terza sirena. La partita si accende: gli animi in acqua si scaldano mentre in tribuna sale altissimo l’incitamento dei tifosi, che esplodono in un urlo incontenibile quando ad 1 secondo dal terzo intervallo, Aiello con un gol dalla lunghissima distanza riporta avanti i suoi. Sulle ali dell’entusiasmo ad inizio quarta frazione Cama si esibisce in una rovesciata velenosissima che trafigge il portiere ospite (autore oggi di tante belle parate) e riporta il CUS Unime sul +2. Non c’è il tempo di rifiatare: nessuna delle due squadre si risparmia e Di Nardo riesce a riportare il Pescara sul -1. Toccherà di nuovo ad Aiello, a 4.40 dalla fine, il + 2 messinese ed allentare un pò la pressione ospite. Il finale è tutto da vivere: a 1.42 Provenzano riavvicina pericolosamente i suoi sul -1 (8-7), ma da qui fino alla fine il CUS riesce a difendere in maniera perfetta la propria porta e chiudere con la vittoria finale, regalandosi e regalando al proprio pubblico un’importantissima vittoria.
“Sono soddisfattissimo - commenta Mister Naccari a fine partita - volevamo riportare la serie in parità e ci siamo riusciti. Adesso ci aspetta un’altra difficilissima trasferta a Pescara, ma a questo punto è più che lecito poter credere alla vittoria finale. Abbiamo fatto una partita quasi perfetta, concedendo pochissimo all’avversario e sapendo colpire al momento giusto. Ce la siamo meritata veramente questa vittoria, di fronte ad un pubblico splendido: non capita spesso di vedere ad una partita di pallanuoto cosi tanta gente. I nostri tifosi ci hanno incitato dall’inizio alla fine e ci hanno dato una grossissima mano. Un grossissimo grazie va anche a loro”.
Adesso c’è un pò di tempo per preparare al meglio l’ultimo turno della poule promozione.

Appuntamento per gara 3 previsto per sabato 24 giugno a Pescara.

CUS Unime - Pescara: 8-7 (3-1, 2-2, 1-2, 2-2)
CUS Unime: La Tona, Vinci, Mariani, De Francesco 2, Arcovito, Blandino, Lanfranchi, Aiello 3, Namar 1, Naccari F., Naccari A., Balaz 1, Cama 1. All. Sergio Naccari
Pescara: Mambella, Di Nardo 1, Micheletti, Di Fulvio 3, De Vincentiis, Magnante, Provenzano 2, Di Fonzo, D’Aloisio 1, Riscitii, D’Amario, Febbo. All. Francesco Mammarella.
Arbitri: Bonavita e Barbera 


L'ora X per il CUS. Arcovito: "Tutti in piscina!"

CUS Unime pallanuoto

Per il CUS Unime il momento della verità. Capitan Arcovito: “Vogliamo una piscina stracolma di tifosi!”

comunicato stampa n° 121 del 13 giugno 2017

Nemmeno il tempo di ripensare alla sconfitta in casa del Pescara nella gara d’andata dei play-off promozione che il CUS Unime si rituffa a pieno regime nell’atteso incontro di ritorno in programma tra le mura amiche della cittadella sportiva universitaria mercoledì 14 giugno, con inizio alle ore 19:00.

Nonostante il passo falso esterno i messinesi hanno giocato un incontro che ha dato loro tantissima carica: il pronostico li dava quasi per spacciati, soprattutto nell’ostico campo gara abruzzese, eppure i ragazzi allenati da Sergio Naccari hanno sfoderato una prestazione superlativa mettendo alle corde l’avversario e costringendolo a soffrire fino alla sirena finale. C’è ancora amarezza, però, per quell’inizio di secondo tempo durante il quale sono arrivati tre gol in tre azioni, gli stessi gol che, alla fine, hanno pesato fortemente sul risultato dell’incontro e sulla vittoria del Pescara. Ma l’amarezza si è subito trasformata in grinta ed i cussini, già concentratissimi per l’impegno di mercoledì, adesso hanno piena consapevolezza dei propri mezzi e sanno di poter fare male all’avversario pescarese.

“Abbiamo giocato un bellissimo incontro - commenta il tecnico cussino Sergio Naccari - ma abbiamo pagato cara quell’unica sbavatura ad inizio secondo parziale. Adesso siamo pienamente concentrati sul ritorno. Sappiamo quanto valiamo e sappiamo di potercela fare; sarà fondamentale che tutti ci supportino e sono sicuro che il nostro bellissimo pubblico ci sosterrà a gran voce e gremirà gli spalti della piscina della cittadella sportiva universitaria per sostenerci fino alla vittoria”. Suona la carica capitan Giuseppe Arcovito, che chiama a raccolta gli appassionati messinesi: “Alla cittadella i nostri tifosi ci hanno sempre dato una grossa mano. Adesso è il momento che ci sostengano ancora di più perché è la partita decisiva: noi sappiamo di avere le carte in regola per allungare la serie fino a gara 3 e per fare questo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti. Vogliamo una piscina stracolma di tifosi!”
Inizio dell’incontro fissato alle ore 19:00. Arbitri del match saranno i signori Francesco Barbera e Gianfranco Bonavita.

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica 
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961 


Brillante avvio di CNU 2017 per il CUS Unime

Carolina Costa, oro ai CNU 2017

 

Brillante avvio di CNU 2017 per il CUS Unime 

comunicato stampa n° 120 del 12 giugno 2017 

Le prime giornate di gare dei Campionati Nazionali Universitari primaverili di Catania regalano grandi soddisfazioni al CUS Unime che va a segno con quasi tutti gli atleti schierati in gara.

Inizia nel migliore dei modi la kermesse nazionale per il Centro Universitario Sportivo messinese: in appena tre giorni di gare (venerdi, sabato e domenica) i 6 atleti schierati dal team peloritano hanno conquistato ben 5 medaglie, tra le quali spiccano i due bellissimi ori di Carolina Costa nel judo e Carmelo Calabrò nel pugilato; ai primi posti si aggiungono anche l’argento di Vincenzo Iannolino nella lotta greco romana e i due bronzi conquistati ancora una volta da Iannolino nella lotta libera e da Lorenzo Rigano nel judo.

I due ori dei messinesi sono stati conquistati nella giornata di domenica pomeriggio. la prima a salire sul gradino più alto del podio è stata Carolina Costa nel judo (categoria +78Kg) che ha superato con delle gare superlative le due avversarie incontrate sulla sua strada (Debora Sala del CUS Cosenza, e Martina Bartilotta del CUS Torino). Enorme la gioia dell’atleta messinese che, tra l’altro, ha avuto il merito di distinguersi come unica atleta siciliana ad aver conquistato il titolo nazionale nel judo, sia in campo maschile che femminile. “Concludo una bellissima stagione nel migliore dei modi - commenta la Costa dopo la vittoria - in soli otto mesi di duro lavoro ho raggiunto 3 medaglie in tutti e 3 i campionati disputati (primo posto alla coppa Italia, secondo posto ai campionati nazionali assoluti e primo posto ai campionati nazionali universitari). Non avrei potuto chiedere di più, anche se c'è ancora molto da lavorare, soprattutto in campo internazionale, ma non demordo! La strada è lunga e tortuosa ma insieme ai miei coach sono sicura che raggiungerò i miei obiettivi. A loro va un grazie speciale (Caterina Juszack, Giovanni Schillaci e lo sparring partner Vittorio Scimone) che mi hanno seguito e sostenuto per tutto questo tempo. Un grazie, infine, anche a tutta la famiglia del CUS Unime che mi supporta e mi permette di inseguire i miei sogni".

Il secondo oro di giornata è arrivato dal pugilato, con Carmelo Calabrò che ha completato il suo splendido percorso nella categoria 81 Kg iniziato con le semifinali di venerdì pomeriggio aggiudicandosi il match finale contro Evris Mehemeti, atleta del CUS Valle D’Aosta.
Le altre tre medaglie sono arrivate, invece, nella giornata di sabato. L’argento è arrivato per merito di Vincenzo Iannolino nella lotta greco romano, (superato in finale da un atleta del CUS Roma). I due bronzi sono arrivati nuovamente da Iannolino, questa volta nella lotta libera (superato nella gara di accesso alla finale da un atleta del CUS Cosenza, vincitore poi del titolo nazionale), e Lorenzo Rigano nel judo (categoria 90Kg). Sempre nel judo, invece, sono stati eliminati al primo turno Marco Villafane (nella categoria 100 Kg) e Francesca Funadrò (categoria 57 Kg). Da oggi inizia una settimana lunga ed intensa di gare che impegneranno gli atleti del CUS Unime. Si comincia oggi con le qualificazioni del tennis - Messina schiera Alberto Caratozzolo e Andrea Viceconte, che andranno avanti sino a mercoledì; poi giovedì tocca alle semifinali ed infine la grande finale nella giornata di venerdì 16. Domani, invece, spazio al tiro a segno: all’atleta del CUS Unime Paolo Riccobene toccheranno due giornate di qualificazione, nella speranza di arrivare fino alle finali previste per giovedì 15. Da mercoledi spazio alla scherma (spada con Gabriella Rizzo e fioretto il giovedì con Ludovica La Pedalina) ed al tiro a volo (con gli impegni di qualificazione per Gianpiero Alibrandi). Infine, da venerdì in poi sarà la volta del karate e dell’atletica. 

Servizio gestito da Università degli Studi di Messina U.Org. Comunicazione Strategica 
Piazza Pugliatti n°1 98122 Messina tel. 090 6768960 - 090 6768961